Che fare dopo aver lanciato

Andare in basso

Che fare dopo aver lanciato

Messaggio  PieroG il Ven Set 02, 2011 3:32 pm

Ciao a tutti,
vorrei sapere cosa bisogna fare subito dopo aver lanciato.
Cioè: armo, lancio, il filo esce dalla bobina, il piombo tocca l'acqua. Adesso?

Solitamente a me hanno detto di: chiudere l'archetto, iniziare a recuperare per mettere in tensione la lenza, avvicinarsi al picchetto, mettere la canna sul picchetto. Dopo un po' di tempo, quando quindi si è valutato che il piombo sia arrivato a fondo, dare ancora un po' di giri, se necessari, per rimettere la lenza in tensione. E' corretto?

E la frizione come devo regolarla? A seconda dello spessore del finale?

PieroG
member
member

Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 30.08.11
Età : 42
Località : Genova

Visualizza il profilo https://www.facebook.com/piero.graffione

Torna in alto Andare in basso

Re: Che fare dopo aver lanciato

Messaggio  massimo.tolini il Sab Set 03, 2011 8:06 pm

Io dopo che ho percepito che il piombo ha toccato l'acqua attendo dai 25 ai 30 secondi, poi recupero fino a portare in tensione il filo sentendo il piombo che striscia il fondo. Poi senza un tempo predefinito ogni tanto recupero per far spostare il piombo, i grufolatori sono attratti dalla sabbia mossa dal piombo e si avvicinano (almeno solitamente).

Comunque Piero una cosa secondo me è fondamentale, non esistono regole definite o dogmi, bisogna sentirlo il mare, non sò come spiegarti, devi guardarlo, capire il movimento, sentire il canale che si può trovare nel fondale, nel recupero, quando metti intensione il filo, sentire lo scalino e fermarti, è li che le prede si muovono. Poi tutto cambia se il mare è calmo piatto, calmo ma non piatto, mosso d'estate o mosso d'inverno.
Questo per dirti che, sempre secondo me una volta che hai le conoscenze giuste per l'uso dei vari terminali, ed eventualmente per la loro costruzione e hai una attrezzatura media, devi praticare, prendere tanti cappotti e pensare che la volta successiva sicuramente sarà un successo. Poi fondamentale pensare che il più delle volte non è importante quello che tiri su dal mare ma la compagnia con la quale prendi un signor cappotto con vento a venti nodi e un freddo porco (giusto Vince e Master73).

massimo.tolini
member
member

Messaggi : 106
Data d'iscrizione : 25.07.10
Età : 59
Località : lavagna

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Che fare dopo aver lanciato

Messaggio  The Cuervo il Lun Set 05, 2011 12:00 pm

Anche io attendo una ventina di secondi e poi chiudo l'archetto e metto in tensione. Dopodichè dipende un pò da te, c'è chi dice che a seconda dell'esca che hai messo e del mare che hai davanti bisognerebbe recuperare il tutto, verificare l'innesco e rilanciare ogni 5/max 15 minuti, c'è chi dice che senza muovere spesso l'apparato pescante devi scordarti le mormore etc etc etc....io la vedo un pò diversamente....se sono in pesca con i disperati di cui parla Max faccio il cosìddetto "giroesca" ogni 30/40 minuti (anche di più) quando invece sono da solo controllo e muovo le canne un pò più spesso, ma senza esagerare......devo rilassarmi e non stancarmi. Tutto il resto lo fa l'esperienza.....ed anche quando l'esperienza sarà tanta i cappottoni saranno sempre lì dietro l'angolo, ma ogni volta che le canne saranno in pesca dietro l'angolo potrebbe esserci la cattura della vita!


CIAOOOOOOO ed a presto!!
avatar
The Cuervo
^ MOD ^
^ MOD ^

Messaggi : 271
Data d'iscrizione : 19.04.10
Età : 48
Località : Lainate (MI)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Che fare dopo aver lanciato

Messaggio  master1973 il Lun Set 05, 2011 1:20 pm

concordo con quanto dice Max relativamente al "senso" del mare che con l'esperienza si sviluppa in ognuno di noi!
La ricetta migliore è quella di provare e riprovare; far proprie le sensazioni che di volta in volta si avvertono e farne tesoro per le uscite successive.
Solitamente, dopo aver lanciato, metto in tensione e aspetto la "piegata" della vita!! e siccome fino ad oggi non è arrivata mi regolo così: per la vermaglia poco resistente tipo arenicola, frequenti controlli ogni 8/10 minuti; per la vermaglia un po più resistente tipo americano e bibi, anche 15/20 minuti; per inneschi più corposi tipo canolicchio, sarda, tranci (muggini o spigola) e esche di pescheria, in genere più resistenti agli attacchi della minutaglia, anche 40/50 minuti!
Tutto ciò per dare un'idea di massima; è ovvio che poi tutto va considerato in relazione alle condimeteo, al mare, al quantitativo di esca residua e alla combriccola...........! Se si è in gruppo i tempi si dilatano indefinitamente, lasciando spazio a cose importanti quali chiacchiere, pizza, bibita e un po di sana goliardia...........!
Per la frizione, leggerai decine di discussioni su forum e riviste che dicono di tararla al carico di rottura del filo! ma siccome non mi sembra facile di valutare a "mano" qual'è il punto di rottura del filo (e non so quanti siano in grado di farlo) mi regolo così: tendo a stringerla fino a quando riesco a tirare il filo esercitando una certa pressione e spero che, all'occorrenza, sia tarata correttamente... Shocked
avatar
master1973
^ MOD ^
^ MOD ^

Messaggi : 185
Data d'iscrizione : 23.04.10
Età : 45
Località : Reggio Calabria

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Che fare dopo aver lanciato

Messaggio  ^ VINCE ^ il Mer Mag 22, 2013 6:03 pm

Come che fare dopo aver lanciato!!!!! aspettare che i pesci abbocchino... ahahahah
scherzo, concordo con max..
avatar
^ VINCE ^
^ ADMIN ^
^ ADMIN ^

Messaggi : 249
Data d'iscrizione : 18.04.10
Età : 42

Visualizza il profilo http://tuttopescaonline.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Che fare dopo aver lanciato

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum